skip to Main Content

La seconda edizione di Unireading è ormai alle porte. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra We Reading e gli universitari cesenati, si svolgerà in punti simbolici della città per i mesi di settembre ed ottobre.

A salire sul palco saranno professori, attori, comici, musicisti ed artisti invitati a reinventare la loro usuale performance pubblica, scegliendo e presentando un brano o un autore a propria scelta. A seguire, il pubblico sarà invitato a partecipare tramite un dibattito del tutto informale.

L’edizione 2018 aprirà le danze il 27 settembre con Giorgio Montanini, stand-up comedian, autore ed attore di origini marchigiane. Tra i pochi rappresentanti della stand-up comedy in Italia, Montanini ha fortemente contribuito alla diffusione di questo genere tramite trasmissioni televisive e tour nazionali.

Nella stand-up comedy l’attenzione è tutta incentrata sul comico; palco, luci ed effetti accattivanti passano in secondo piano. Tra i più famosi stand-up comedian statunitensi troviamo: Louis C.K. (l’ultimo monologo è su Netflix), Ricky GervaisBill Hicks… 

In questo video ad emergere è la comunicazione dissacrante di Montanini, il black humor, la facilità di entrare nell’argomento e di sorridere con amarezza. Ad oggi la stand-up comedy rivendica la sua importanza. A seguire questo genere troviamo un pubblico sempre più esigente e colto.

In particolare, nella serata di giovedì 27 settembre, Giorgio Montanini, con la partecipazione di Stefano Tosoni, presenterà una lettura intitolata: “Edipo: il capro espiatorio”. Al centro della riflessione sarà l’esigenza umana di trovare un colpevole, qualcuno a cui attribuire la responsabilità dei fatti.

Uni Reading proseguirà fino alla fine di ottobre e vedrà la partecipazione di: Piero Cipriano e Pierpaolo Capovilla (durante la Notte Europea dei Ricercatori), Massimo Cicognani e Roberto Mercadini, Rancore, Maria Antonietta e Aimone Romizi.

Al termine di ogni reading ci sarà un aftershow live. Per ulteriori info si può consultare l’evento.

Danilo Buonora

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top