skip to Main Content

Dopo tre anni, si torna a votare per le elezioni studentesche universitarie. Come di consueto il mese riservato al voto è quello di maggio, mese non sempre favorevole per delle votazioni, dato che per alcuni corsi di laurea le lezioni sono già terminate, ma non per questo dovrebbe mancare la partecipazione degli studenti al voto, essendo così centrale per la democrazia dell’università di Bologna. I rappresentanti degli studenti da eleggere sono decine e decine tra tutti i consigli dei corsi di laurea e di dipartimento e, soprattutto, trentatré studenti formeranno il Consiglio degli Studenti, l’organo da cui saranno scelti i rappresentanti studenteschi che siederanno in Senato Accademico e in Consiglio di Amministrazione. Sulla home page del sito dell’Unibo è presente la sezione “Elezioni Studentesche 2019” con tutti i documenti ufficiali e le indicazioni utili.

Qui proveremo un po’ a capire come funzioneranno queste elezioni.

Martedì 14 dalle 9.00 alle 19.00 e Mercoledì 15 Maggio dalle 9.00 alle 14.00 ci saranno le elezioni studentesche universitarie.

Si vota per il rinnovo:

  • dei Consigli di Corso di Laurea,
  • dei Consigli di Dipartimento,
  • del Consiglio degli Studenti,
  • del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.

Gli studenti di Ingegneria, Informatica e Architettura votano nel Seggio n°32, in aula 3.11, primo piano livello 3, all’interno del Campus all’ex Zuccherificio

Gli studenti di Psicologia, Enologia, Tecnologie Alimentari e Acquacoltura votano nel Seggio n°33, in aula E, primo piano.

Ci saranno cinque schede:

  • con la scheda verde si vota per il Consiglio del proprio Corso di Laurea: si può barrare la lista e scrivere massimo due preferenze;
  • con la scheda arancione si vota per il Consiglio del proprio Dipartimento: si può barrare la lista e scrivere massimo due preferenze;
  • con la scheda fucsia si vota per il Consiglio degli Studenti proporzionale: si può barrare la lista e scrivere massimo due preferenze;
  • con la scheda rossa si vota per il Consiglio degli Studenti maggioritario: si può dare un voto di preferenza;
  • con la scheda bianca si vota per il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari: si può barrare la lista e scrivere massimo una preferenza.

Ora, per provare a capirci qualcosa, proviamo a fare una similitudine con le elezioni “normali”. Immaginiamo l’Università di Bologna come uno Stato, tipo l’Italia.

I consigli dei corsi di laurea sono i consigli comunali, quindi ognuno vota per i consiglieri comunali del proprio comune. Il consiglio, poi, elegge il proprio coordinatore (un docente), il quale potrebbe essere paragonato quasi ad un sindaco.

I consigli dei dipartimenti sono tipo le regioni, quindi è un consiglio che raccoglie rappresentanti di molti territori/comuni e che hanno un presidente, in campo universitario sono i direttori.

Il consiglio degli Studenti è una sorta di consiglio nazionale, come la Camera dei Deputati, composto solo da studenti, da cui poi vengono nominati gli studenti che andranno in Senato e in Consiglio di Amministrazione.

Il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari è paragonabile alle elezioni europee: ci sono più circoscrizioni ed è una sorta di commissione che si relaziona direttamente con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Abbiamo intervistato alcuni candidati nel Campus di Cesena.

Ingegneria elettronica
Consiglio di Corso di Studio di Ingegneria elettronica per l’energia e l’informazione
Lista Universitari Cesena-A.St.I.Ce

Mi chiamo Rebecca Cowmeadow e frequento il secondo anno di Ingegneria elettronica per l’energia e l’informazione a Cesena. Ho scelto di candidarmi per rappresentare gli studenti di elettronica poiché, essendo il mio corso una “minoranza” rispetto agli altri corsi di laurea, credo sia importante far sentire comunque le nostre esigenze e problematiche. Voglio impegnarmi per riuscire a dare un valido contributo, infatti è fondamentale per gli studenti avere un punto di riferimento a cui rivolgersi per comunicare con i professori e spero di riuscire in questo intento insieme al mio collega. Il mio obiettivo principale è quello di far fronte ai disagi che sorgono nella vita di tutti i giorni degli studenti, dalle lavagne inefficienti alla mancanza dei cestini dell’umido nel nuovo polo. Spero, inoltre, che queste elezioni siano una valida occasione per sensibilizzare gli studenti in merito alla politica universitaria.

Architettura

Consiglio del C.d.L.M. ciclo unico Architettura – Lista Universitari Cesena-SPAZI

Consiglio degli studenti Uninominale

Io sono Caterina Orsini e sono la candidata per il consiglio degli studenti e per il corso di laurea in architettura, faccio parte della lista Universitari Cesena SPAZI insieme a Clara Rontani e Francesco Lucchi, che sono gli altri due candidati per il corso di laurea e insieme a Francesco Ingenito, David Gnoli e Alex De Marino che sono i candidati del dipartimento di architettura. Io personalmente ho deciso di candidarmi un po’ all’ultimo minuto, perché ho iniziato a interessarmi seriamente alle attività dell’università da quest’anno, da quando sono diventata vicepresidente dell’associazione SPAZI di architettura e in quel momento mi sono resa conto di quanto mi rendesse soddisfatta organizzare eventi per gli studenti.

Quello che desidero portare all’attenzione è la necessità di aumentare dei servizi che, seppur già presenti all’interno del Campus Universitario, necessitano di un miglioramento. Per esempio, dalla fine delle vacanze pasquali la biblioteca del Campus rimarrà aperta fino alle 19, mentre prima aveva un orario molto più ristretto. Sulla base di questo genere di interventi vorremmo portare il nostro Campus ad essere sempre più fruibile a tutti gli studenti.

Perché votare per noi? Da parte nostra c’è tantissima passione e voglia di fare, che stiamo dimostrando già da adesso, la nostra principale volontà è quella di creare dei momenti per lo studente sia a livello accademico che a livello culturale

Psicologia

Consiglio di Dipartimento di Psicologia – Lista Link-Studenti Indipendenti

Salve a tutti! Sono Giovanna Ronconi, una studentessa al secondo anno del corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche. Ho deciso di candidarmi alle prossime elezioni studentesche come rappresentante degli studenti del Dipartimento di Psicologia, nella lista Link Studenti Indipendenti, un coordinamento universitario presente in più realtà territoriali, il cui obiettivo è quello di tutelare i diritti degli studenti universitari. Candidati nella mia stessa lista, ci sono i miei due colleghi: Martina Carecci, primo anno della triennale e Alessandro Oro, primo anno della magistrale. Il motivo principale che mi ha spinto a candidarmi è stato il voler chiedere supporto ai docenti del nostro Dipartimento per quanto concerne la campagna promossa dal Sindacato degli studenti di psicologia di Padova e Link Padova di introdurre agevolazioni e garantire i diritti che spettano agli studenti di Psicologia, tirocinanti post- lauream e specializzandi nelle scuole di Psicoterapia. Questa campagna, iniziata con una raccolta firme simbolica, ha come obiettivo quello di chiedere al Ministero dell’Istruzione un trattamento più equo per gli aspiranti psicologi. Nello specifico si chiede:

– estensione delle tutele del diritto allo studio universitario a coloro che svolgono un tirocinio post lauream in quanto soggetti in formazione

– la gratuità dell’esame di Stato (Fase obbligatoria per poter accedere all’iscrizione all’albo e con un costo di diverse centinaia di euro)

– erogazione di una quota minima di borse di studio per gli specializzandi nelle scuole di Psicoterapia

– una calibrazione in base al reddito del costo della terapia individuale laddove obbligatoria per la scuola di Psicoterapia.

Spiegando in modo semplice e non esaustivo il tirocinio post lauream è uno degli step obbligatori nel percorso per l’iscrizione all’Albo degli psicologi. Al momento, infatti, tutti coloro che terminano la magistrale e sono intenzionati a iscriversi all’Albo devono fare obbligatoriamente il tirocinio di 1000 ore da concludersi in un anno (che può essere configurato come un lavoro Part-time). La problematicità del tirocinio sta nella non retribuzione dei partecipanti né l’estensione a essi delle agevolazioni date agli studenti universitari. I tirocinanti infatti non venendo considerati né studenti né lavoratori, non possono beneficiare dei diritti e delle agevolazioni appartenenti a queste due categorie (retribuzioni, borse di studio, alloggi, biblioteche, mense ecc.). Fortunatamente la causa sta trovando appoggio da parte di studenti e professionisti di tutta Italia, inoltre pochi giorni fa il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari ha approvato la mozione riguardante il tirocinio post lauream. Nonostante il motivo sopra citato sia stato un incentivo molto forte nel decidere di presentare la mia candidatura, ci tengo a fare presente che mi impegnerò, come faranno i miei colleghi, a lavorare al meglio per rispondere ai problemi e alle questioni avanzate dai colleghi del Dipartimento di Psicologia. A questo proposito un progetto che mi vede coinvolta e a cui dedicherò le mie forze per poterlo realizzare è quello di istituire un numero limitato di assemblee in cui studenti della laurea triennale e magistrale possano riunirsi per sottoporre ai futuri rappresentanti problemi da risolvere o nuove idee da poter mettere in atto.

Sono fermamente convinta che sia essenziale avere rappresentanti degli studenti che raccolgano i problemi esposti dai propri colleghi per poi esporli a chi di dovere e che sappiano lottare per difendere i nostri diritti in qualità di studenti. Per questa ragione vi invito caldamente ad andare a votare il 14 ed il 15 Maggio 2019. Buone votazioni a tutt*!

Psicologia

Consiglio di Corso di Studio in Scienze e Tecniche Psicologiche

Lista Universitari Cesena-Analysis

Mi chiamo Michelangelo Mengoli e sono iscritto al primo anno della triennale di Psicologia. Mi candido alla rappresentanza degli studenti della laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche dell’Università di Bologna di Analisys, associazione studentesca che propone dei servizi agli studenti, che sono messi al centro come primi protagonisti della vita universitaria e tali servizi e tali eventi cercano di permettere allo studente di avere una permanenza all’interno dell’università che sia anche un’esperienza attiva e piacevole attraverso ad esempio welcome week o eventi pluridisciplinari con altre facoltà, simposi all’interno di bar convenzionati. Insomma, uno scenario che offre da un lato discussioni ad esempio sulla branca psicologica, dall’altro serate o eventi di tipo più ricreativo. Spero con la mia candidatura di invogliare gli studenti ad entrare sempre di più nell’ambiente pubblico dell’università e a mettersi in gioco. I punti principali su cui verte la mia idea di rappresentante sono legati all’approfondimento di tematiche che non sono trattate nello svolgimento del corso delle lezioni, quindi la creazione, grazie anche al contatto diretto con professori patrocinanti, di seminari nei quali sia data la possibilità di intervenire, oltre ad ospiti esterni, anche agli studenti stessi, che avranno l’opportunità di organizzare una vera e propria discussione creando un ambiente più orizzontale e meno verticale. Mi piacerebbe inoltre dare importanza all’aspetto ambientale, per quanto adesso le acque si stiano smuovendo a livello nazionale credo che una sensibilizzazione a livello didattico universitario sia utile, soprattutto in un contesto come quello psicologico dove spesso si parla di ambiente come dimora formativa della psiche dell’essere umano. I punti principali sono quindi: il coinvolgimento degli studenti verso attività più possibile autogestite e dall’altro una sensibilizzazione che punta a prestare più attenzione verso una tematica assolutamente fondamentale quale quella ambientale.

Ingegneria biomedica

Consiglio di Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica E dell’informazione “Guglielmo Marconi”

Lista Universitari Cesena-A.St.I.Ce

Mi chiamo Valentina Betti e sono la rappresentante uscente del corso di laurea in Ingegneria biomedica e ho deciso di candidarmi per il consiglio di dipartimento. Mi sono interessata a quello che è il mondo dell’università dal primo momento in cui ho messo piede a Cesena, perché credo che sia molto importante rappresentare quelli che sono i problemi degli studenti e in generale la voce di questi all’interno dei vari organi, amo molto mettermi in gioco e prendo come una sfida risolvere quelle che sono le varie problematiche all’interno dell’università come possono essere i disagi all’interno del Campus (ad esempio la mancanza di spazi dove studiare e dove mangiare), ma anche problemi che riguardano il corso di laurea nello specifico come salti di appello o appelli a numero chiuso e sono felice di dire che negli ultimi tre anni abbiamo fatto molto. Quest’anno ho deciso di candidarmi nel consiglio di dipartimento e ce la metterò tutta per rappresentare gli studenti anche in questo organo per ottenere più servizi e diritti possibile.

Danilo Buonora e Francesca Franchin

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top