skip to Main Content
 CinemAnimaMente: Un’ottima Occasione Per Andare Al Cinema

Anche quest’anno, a marzo, torna la rassegna cinematografica promossa dal comune di Cesena, “CinemAnimaMente”, ormai alla sua 14° edizione. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, facciamo un passo indietro: ogni anno il comune di Cesena, in collaborazione con altri enti (il Sert, l’Aquilone Iqbal, la scuola di Psicologia e Scienze della Formazione e l’associazione studentesca Analysis) organizza un ciclo di proiezioni presso il cinema San Biagio, che si tiene comunemente nel mese di marzo; a caratterizzare la rassegna sono la scelta dei temi, solitamente di interesse sociale/psicologico, lo spazio riservato alla discussione al termine di ciascuna proiezione, con interventi dei registi o di attori del film appena proiettato oltre che di esperti delle tematiche affrontate (spesso si invitano professori del dipartimento di psicologia a prendere parte alla discussione), ma soprattutto le selezione di pellicole di nicchia, spesso frutto di produzioni indipendenti o comunque lontane dagli standard hollywoodiani a cui il pubblico è abituato. Quest’ultimo punto, che normalmente spaventa il pubblico, è invece la forza del CinemAnimaMente (che chiameremo CAM da adesso in poi per semplicità): la qualità infatti è spesso molto alta e lascia piacevolmente sorpreso lo spettatore. Se volete farvi un’idea di cosa intendo vi invito a cercare “L’arte della felicità”, film d’animazione italiano del 2013 diretto da Alessandro Rak, che è stato tra le proiezioni dello scorso anno e che vi lascerà piacevolmente sorpresi per come condensa emozioni, riflessione, quotidianità e sogno, il tutto condito da una bellissima colonna sonora.

Ma da quest’anno c’è anche una novità nel CAM: grazie alla partecipazione della cineteca di Bologna, è stato possibile ampliare il respiro dell’iniziativa e proporre anche lungometraggi di produzione straniera, sempre mantenendo il taglio alternativo caratteristico. Si tratta sempre di film imperdibili, da andare a vedere sia se si vuole spezzare la monotonia con una bella serata al cinema, sia se si vuole andare a vedere un’opera che sappia stuzzicarci intellettualmente e, perché no, aprirci a nuovi punti di vista. Immancabilmente, a conclusione di ogni serata sarà dato spazio al dibattito, cercando di portare punti di vista diversi per commentare il film appena visto, che vede la possibilità da parte del pubblico di intervenire.

Non vi basta? Sappiate che anche il prezzo della serata è assolutamente conveniente: per gli studenti universitari solo 3 euro, con ulteriore sconto se si desidera partecipare a tutte e 4 le serate!

Ecco una breve presentazion
e dei film in programma:
– Martedì 8 marzo, ore 21:00 MOMMY (Francia-Canada/2014) di Xavier Dolan (140′)1417867427-mommy

Ambientato in un ipotetico futuro prossimo in cui il Canada ha approvato una controversa legge che consente ai parenti di minori difficili, in caso di emergenza, di effettuare un ricovero forzato presso un istituto psichiatrico, racconta il controverso rapporto tra una vedova cinquantenne piuttosto instabile e il figlio adolescente, anch’esso affetto da disturbi di comportamento, che talvolta sfociano in violenza. Girato con un’inquadratura particolarmente claustrofobica si è guadagnato il premio della giuria al festival di Cannes.

– Martedì 15 marzo ore 21.00 NORTHERN SOUL (GB/2014) di Elaine Constantine (102′)Northern Soul

Negli anni Settanta, gli amici John e Matt non sono più soddisfatti dalla realtà di provincia in cui vivono e dal loro lavoro in fabbrica. Sognando di scovare rare incisioni di musica soul americana che li aiuteranno a diventare due tra i migliori dj, si imbarcano in un difficile viaggio, durante il quale la loro amicizia e la loro realtà saranno messe a dura prova dalla rivalità, dalla violenza e dall’abuso di droga. Film da non perdere per gli appassionati di musica, al termine della proiezione interverranno due esperti del genere musicale Northern soul.

– Martedì 22 marzo ore 21.00 NON ESSERE CATTIVO (Italia/2015) di Claudio Caligari (100′)download

Primo film italiano di quest’anno, nonché ultima opera del regista Claudio Caligari, scomparso dopo le riprese. Chiude idealmente una trilogia dedicata ai dropout delle periferie romane. Davanti alle mille storie di personaggini borghesi e piccolo borghesi più o meno in crisi, alle loro feritine e ai loro piccoli mondi e nostalgie, i cattivi ragazzi di Non Essere Cattivo irrompono con forza.

– Martedì 12 aprile ore 21:00 VERGINE GIURATA (Italia/2015) di Laura Bispuri (90’)108210-md

Hana, orfana albanese, viene accolta in casa da Gjergi, un montanaro con moglie e una figlia, Lila, più o meno dell’età della ragazza. Ma la cultura arcaica che abita quelle regioni, seguendo il severo codice del Kanun, mortifica e reprime il genere femminile, e Hana si ritrova a compiere una scelta drastica: diventare una vergine giurata, ovvero giurare verginità eterna e assumere un’identità maschile. Da quel momento sarà Mark e condurrà la sua vita come un uomo, ovvero con maggiore autodeterminazione, ma al prezzo di un rifiuto radicale della propria femminilità. Molti anni dopo Mark si reca in Italia, dove ritrova Lila. Nessuno sa il perché della sua venuta, ma a poco a poco, in contatto con una cultura più aperta, Mark ritroverà in sé le tracce di Hana.

Tutte le proiezioni avverranno presso il cinema San Biagio, in via Aldini 24, in pieno centro a Cesena.

Tratto da Unimagazine, marzo 2016, n. 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top