skip to Main Content

Il 9 novembre 2016 è una data storica per gli Stati Uniti: è stato eletto il quarantacinquesimo presidente: il suo nome è Donald Trump.

5c59c2a6-82bc-4a3a-aa51-c5d8a0711102 In occasione di questa estenuante campagna elettorale in molti, nell’ambito della dance, si sono espressi mettendo in chiaro le loro posizioni politiche. E il web è letteralmente impazzito!

C’è chi è diventato esperto di politica, chi ha voluto deliziarci con un paio di battute dalla dubbia qualità, chi ha condiviso qualche meme e chi, come i nostri djs preferiti, ha voluto semplicemente dire la propria opinione.


La medaglia d’oro, indubbiamente, va a
Zedd che il 10 febbraio scrisse su Facebook “se Donald Trump dovesse diventare presidente degli U.S.A io tornerò a vivere in Germania e, la mattina dopo l’elezione, postò su Twitter una foto del suo passaporto tedesco.

Tantissimi sono stati i commenti sull’argomento; eccone alcuni “rubati” da Twitter:6de3a45d-14bd-4e0a-bbd6-beb5a8c60eaf

Diplo: “stiamo per entrare nei quattro anni di dinastia di una papera.”

Dillon Francis: “non sono mai stato così preoccupato per la condizione degli americani.”

Marshmello: “mi trasferirò in Kazakistan!”

Makj: “per fortuna sono canadese!”

Dyro: “ma che cazzo?! Ha davvero vinto?”

DVBBS: “si sta benissimo in Canada!”

E poi, come dimenticare il giorno in cui Makj – fregandosene di tutto e di tutti – ha fatto urlare alla folla “Fuck Donald Trump” durante l’Ultra Music Festival di Miami?

Potete vedere il video qui

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top