skip to Main Content

Marshmello e il suo casco sono diventati talmente famosi negli Stati Uniti (e in ogni parte del mondo) che anche una coppia di YouTuber ha voluto indagare sul personaggio.

Facciamo un piccolo passo indietro…chi è Marshmello? è un produttore discografico e musicista statunitense. DJ e producer EDM, ha ricevuto visibilità a livello internazionale realizzando i remix delle canzoni di Jack Ü e Zedd.

Artista della “nuova scena”, inizia ufficialmente la sua carriera solamente il 3 marzo 2015 con l’uscita del suo primo disco: “WaVeZ”.

Il successo – in buona parte dovuto al mistero intorno alla sua figura – arriva nel 2016 con l’uscita di tre dischi diventati famosi e ascoltati in tutto il mondo: “Keep It Mello”, “Alone” e, ultimo dei tre, “Ritual”.

Le ipotesi di chi ci potesse essere sotto quella maschera si sono sprecate: da Martin Garrix a Tiesto, da Skrillex a Dotcom (quest’ultima l’ipotesi più accreditata).

Ma, forse, il mistero lo ha svelato lui stesso. Sul profilo Instagram, infatti, venne pubblicata una foto…senza maschera! La foto, neanche a dirlo, rimase online per pochi secondi, non riuscendo però a passare inosservata, stante le centinaia di migliaia di follower dell’artista (milioni su Facebook).

Marshmello potrebbe essere uno dei due “Bixel Boys”?

Un semplice errore o una trovata per creare ancora più hype?

Dan e Lincoln Markham sono padre e figlio. Hanno un canale Youtube con quasi 4 milioni di iscritti. I loro video virali rispondono ad una quanto semplice, quanto vitale domanda: cosa c’è dentro? Insieme aprono oggetti e indagano sul loro contenuto. Ovviamente è un pretesto per giocare con il figlio e raccontare l’oggetto (o il soggetto) in questione attraverso particolari e riprese molto interessanti.

Nell’ultimo episodio della loro serie “What’s Inside”, Dan e Lincoln decidono di scoprire cosa c’è dentro il casco di scena di uno dei personaggi elettronici del momento: Marshmello. Dan incontra l’artista nel backstage di un concerto di Los Angeles dove può finalmente prendere in consegna il casco da aprire e analizzare.

Ecco com’è andata!

Luca Dicio, Newsbeat

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top