skip to Main Content
Analysis & Il Laboratorio Di Arteterapia

Martedì 6 dicembre, presso la sala studio Beta, si è tenuto il laboratorio di Arteterapia organizzato dall’associazione studentesca Analysis. Partiamo dal principio: cos’è l’arteterapia?

L’arteterapia utilizza le attività artistiche visuali, quindi dipingere, disegnare, cantare, recitare e chi più ne ha più ne metta, come mezzi terapeutici, per aiutare il paziente a crescere e migliorare nella sfera emotiva, affettiva e relazionale.

Questo laboratorio è stato tenuto dalla bravissima Giorgia Valmorri, che ha cercato di farci capire come funziona questo tipo di terapia. Qual è il modo migliore per conoscere una cosa? Beh, sicuramente farla! Gloria ci ha permesso di entrare a pieno nel mood dell’arteterapia, mettendoci a disposizione tantissimo materiale per poter creare un’opera che rappresentasse noi stessi. Una cosa che mi ha colpito è stata la richiesta che ci ha fatto: “concentratevi sul materiale, non pensate già all’opera finita”, e quindi su ciò che ci provocava toccare un tessuto, vedere un colore, usare il pennello in un modo o in un altro, più che pensare a disegnare questo o quest’altro. 

setting-arteterapia

Il setting dell’evento del 6.12.16

La cosa incredibile è stata che, pur non conoscendo gli altri partecipanti, la creazione di quest’opera ci ha permesso di aprirci completamente, di descrivere la nostra personalità a dei perfetti sconosciuti. Infatti, l’arteterapia è quasi sempre una terapia di gruppo, in cui si condividono, senza timore o imbarazzo, i propri sentimenti, le proprie emozioni, e, perché no, i propri problemi. A volte dimentichiamo, o sottovalutiamo, quanto sia utile parlare con gli altri. E soprattutto trascuriamo quanto l’arte renda possibile “vedere” ed “esprimere” molto più di quello che le parole possano fare, a volte senza neanche rendercene conto!

Se volete iniziare gradualmente a scoprire i benefici terapeutici dell’arte, un consiglio che posso darvi è comprare (oppure scaricare e stampare dal fantastico mondo dell’internet) dei libri di disegni da colorare; so che può sembrare una cosa “da bambini”, ma con il sottofondo giusto, vi assicuro che otterrete dei risultati che non vi sareste mai immaginati!

Chiara Russo

Ass. studentesca Analysis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top