skip to Main Content
Pelle D’oca

 

E ti sentivo fragile fra le mie braccia,

presa da una passione che non riuscivi a comprendere,

la magia dell’inesperienza riempie l’anima di paura

e sono proprio quelle paure a far venire la pelle d’oca.

Lasciarsi andare, trascinare, trasportare,

da pensieri provenienti dall’ignoto,

emozioni scritte nel nostro codice genetico,

noi creature destinate a perderci nella ricerca di noi stessi,

 

le aspettative fanno buona parte del lavoro,

il resto lo fanno i frammenti di coscienza

gelosamente custoditi nella nostra scatola cranica,

frammenti come spinti da un desiderio di espressione,

quella piccola voce nascosta nei meandri di quello che pensiamo di essere.

 

E alla fine cosa siamo,

se non ombre di quello che pensiamo,

un insieme strano di sogni infranti e desideri conquistati,

perennemente divisi dal senso del bene e del male.

 

Ma per quanto ci proviamo,

non sapremo mai vedere una completezza

che i nostri occhi non possono raggiungere.

Noi rinchiusi in questo corpo di carne, trasportati dai nostri sensi, non sappiamo neanche dove.

 

Alex Shaggy

 

vuoi leggere la scorsa poesia di Alex? CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top