skip to Main Content

Dal 7 al 29 maggio 2022 presso Galleria Leonardo Da Vinci a Cesenatico (FC)

Appartenenze è una mostra realizzata da Porto, una realtà creativa fatta di tanti ragazzi che amano la creatività, il confronto e le connessioni. Porto nasce dalla necessità di esternare le proprie idee ed esprimerle attraverso uno spazio fisico o digitale. È una piccola isola felice per tutti coloro che trovano nell’arte la propria dimensione. Una realtà che non ha confini ma solo destinazioni.

L’origine della mostra parte dal concetto di topofilia che deriva dalle parole greche tópos, “luogo” e philía, “amore”, e rappresenta un attaccamento profondo che un individuo ha per un luogo. L’amore per la terra in cui si vive.

Quanti di noi provano un senso di appartenenza verso la propria città? In che modo il luogo in cui abitiamo può cambiare la nostra identità? Siamo noi che apparteniamo ad un luogo, o è lui che ci assorbe completamente?

Appartenere a Cesenatico significa subirne il cambiamento: la spensieratezza e la vivacità tipici dei mesi estivi, lasciano progressivamente posto alla meditazione e alla calma durante i mesi invernali. Con il freddo tutto cambia: i ritmi rallentano, le strade si svuotano e le strutture chiudono.

Cesenatico vive una vera e propria metamorfosi e chi abita questo luogo tutto l’anno cambia insieme a lei. Cesenatico ci mostra che esiste un’influenza reciproca nascosta tra il territorio e la nostra anima. Siamo davanti a un continuo gioco di forze, poli opposti che si rispecchiano e si condizionano a vicenda.

La mostra Appartenenze racconta l’influenza creativa ed emotiva che la ciclicità di Cesenatico ha avuto sugli artisti nati e cresciuti in questo luogo. Una narrazione collettiva, ma allo stesso tempo intima, della prospettiva individuale e del rapporto con una realtà geografica la cui identità varia al variare delle stagioni.

Chi e a chi appartiene Cesenatico?

Federica D’Isita

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top